Results (1 - 2) of 2

Show results for

Product Type

  • All Product Types
  • Books (2)
  • Magazines & Periodicals
  • Comics
  • Sheet Music
  • Art, Prints & Posters
  • Photographs
  • Maps
  • Manuscripts &
    Paper Collectibles

Refine by

Condition

Binding

Collectible Attributes

Bookseller Location

  • All Locations

Bookseller Rating

Andrea De Marchi a Cura Di ( Per Il Commentario )

Published by Franco Cosimo Panini Editore, Modena (2008)

ISBN 10: 8824804446 ISBN 13: 9788824804448

Used Hardcover First Edition

Quantity Available: 1

From: Luigi De Bei (PREGANZIOL, T V, Italy)

Seller Rating: 5-star rating

Add Book to Shopping Basket
Price: US$ 5,492.67
Convert Currency
Shipping: US$ 29.69
From Italy to U.S.A.

Destination, Rates & Speeds

Item Description: Franco Cosimo Panini Editore, Modena, 2008. Rilegato con Custodia. Book Condition: As New. Dust Jacket Condition: As New. Edition originale. Commentario : A cura di Andrea De Marchi. Saggi di Andrea De Marchi, Davide Gasparotto, Federica Toniolo, Laura Nuvoloni, Beatrice Bentivoglio-Ravasio e Laura Malfatto. Modena, 2008; ril., pp. 336, ill. col., cm 15,5x21,5. (La Miniatura). Il Libro d'Ore Durazzo Genova, Biblioteca Civica Berio, m.r. C.f. Arm. I Il Libro d'Ore Durazzo, così chiamato dal nome del suo ultimo proprietario, è un piccolo capolavoro del pittore e miniatore Francesco Marmitta. Un'opera sorprendente che si distingue da ogni altro codice devozionale a uso privato per due peculiari caratteristiche: l'impiego della pergamena purpurea e la crisografia, cioè la scrittura a lettere d'oro, qui tracciata da un maestro dell'arte calligrafica, Pietro Antonio Sallando, docente presso l'Università di Bologna. L'orefice della pagina miniata Artista splendido e sontuoso, dotato anche come orafo e intagliatore, il parmense Francesco Marmitta (1462/1466 ca. 1505) profuse le sue capacità in opere superbe tra cui, oltre al Libro d'Ore Durazzo, il bellissimo Messale di Domenico della Rovere del Museo Civico di Torino. Nelle pagine dei suoi capolavori, oltre a una delicata sensibilità di tocco e a spiccate doti paesistiche, sfoggiò la sua predilezione per gemme, medaglie e cammei, miniati con squisita fattura. Una meravigliosa decorazione La meditata ripresa della tradizione classica, evidente nell¿uso della porpora e delle lettere d¿oro, è confermata dal lessico ornamentale costituito da panoplie,medaglie, cammei e bucrani,mentre il linguaggio pittorico del Calendario e degli Uffici dellaVergine rivela un aggiornamento sulle ultime acquisizioni della cultura figurativa bolognese, con particolare attenzione ad Amico Aspertini. La raffinata legatura L¿elegante ed elaborata legatura in argento cesellato e sbalzato con parti dorate, su fondo in velluto purpureo è coeva al codice, con cui condivide il gusto della decorazione. Splendida la profusione di motivi classicheggianti a palmette, racemi di acanto, spighe, grappoli d¿uva, vasi, mascheroni, scarabei e bucrani. Sui fermagli argentei, due piccoli rubini. Il sito dedicato all'opera: www.oredurazzo.it L¿opera è accompagnata da un volume di commento a cura di Andrea De Marchi, con contributi di Beatrice Bentivoglio-Ravasio,Andrea De Marchi, Davide Gasparotto, Laura Malfatto, Laura Nuvoloni e Federica Toniolo + Consulta l'indice del Commentario Libro d¿Ore Durazzo. Commentario al codice Genova, Biblioteca Civica Berio Codice m.r. Cf. Arm. I Commentario al Codice a cura di Andrea De Marchi L¿OPERA Il volume, che esce in occasione della pubblicazione del facsimile Panini dell¿Offiziolo Durazzo, è il più esauriente e aggiornato commento storico-critico su questo bellissimo codice miniato, capolavoro del pittore, miniatore e orafo parmense Francesco Marmitta. Un¿opera di straordinaria bellezza, caratterizzata, oltre che dalla raffinatissima decorazione, dal fondo purpureo della pergamena, dalla scrittura a lettere d¿oro, opera del calligrafo Pier Antonio Sallando, e dalla stupenda legatura in argento dorato e pietre preziose. Attraverso il commento dei mag giori specialisti della miniatura rinascimentale, e in particolare del Marmitta, questo volume colloca l¿Offiziolo Durazzo nel contesto storico e culturale dell¿arte italiana tra Quattro e Cinquecento, offrendo una serie di spunti interpretativi di ragguardevole interesse, primo fra tutti il collegamento tra il celebre "Ritratto di collezionista" del Parmigianino, in cui il codice compare in mano all¿effigiato, e una possibile committenza da parte di Troilo de¿ Rossi di San Secondo. GLI AUTORI Il volume è a cura di Andrea De Marchi, professore associato di Storia dell¿arte medievale all¿Università di Firenze e autore con Andrea Bacchi di una fondamentale monografia su Francesco Marmitta (Allemandi, Torino 1996). Nella stesura del volume è stato coadiuvato da Davide Gasparotto, storico dell¿arte, attualmente attivo alla Galleria Nazionale di Parma; Federica Toniolo, docente di St. Bookseller Inventory # 006808

More Information About This Seller | Ask Bookseller a Question 1.

IL LIBRO D'ORE DURAZZO: De Marchi, Andrea

De Marchi, Andrea

Published by Franco Cosimo Panini, Modena (2008)

Used Hardcover

Quantity Available: > 20

From: Oak Knoll Books, ABAA, ILAB (NEW CASTLE, DE, U.S.A.)

Seller Rating: 5-star rating

Add Book to Shopping Basket
Price: US$ 10,800.00
Convert Currency
Shipping: US$ 7.50
Within U.S.A.

Destination, Rates & Speeds

Item Description: Franco Cosimo Panini, Modena, 2008. Illuminated Manuscripts (illustrator). 8vo. velvet binding with precious stones and gilded silver, clamshell case. 201, 336 pages. Facsimile with accompanying hardcover commentary. One of 980 copies. The Libro d'Ore Durazzo, which takes its name from its last owner, is a small masterpiece by the painter and illuminator, Francesco Marmitta. This remarkable work is in two ways quite different from all other devotional codices for private use. One is the use of purple parchment. The other is chrysography, or writing in letters of gold, the work of the master calligrapher, Pietro Antonio Sallando, who taught at the University of Bologna. The illumination work of a goldsmith and jeweller: The illumination work is by the painter from Parma, Francesco Marmitta (circa 1462/1466-1505), also a renowned jeweller and inlayer, and the creator of other splendid works such as the stunning Missal of Domenico della Rovere, belonging to the museum of the municipality of Turin (Museo Civico di Torino). The leafs of these masterpieces reflect the artist's sensitivity and delicacy, his marked interest in landscapes, and his taste for jewellery, medals and cameos, illustrated with extraordinary skill. Embellishment of the highest order: Marmittas references to the revived classic tradition indicate a meditative approach. This aspect comes to the fore in his use of purple and of gold lettering, and is also underscored by his use of motifs such as trophies, medallions, cameos and bucrania. However, as a painter, the approach adopted for the Calendar and Offices of the Virgin reveals his awareness of the latest tendencies reflected in the culture of the figurative arts in Bologna, and a special interest in the work of Amico Aspertini. The refinement of the binding: The work's lavishly elegant binding dates back to the time of the codex itself, and the love of embellishments is as evident here as in the illuminations. The binding features wrought and embossed silver, in part gilded, on crimson velvet. It also features a splendid profusion of classical motifs (acanthus and palmette motifs, ears of wheat, grapes, vases, masks, scarabs, and bucrania). The silver clasps are adorned with two small rubies. Patronage: A number of stylistic clues seem to indicate that the Libro d'Ore Durazzo was commissioned by a patron from Parma. We may also note Parmigianinos well-known Portrait of a Collector (London, National Gallery), in which the collector holds in his hand precisely this codex. It is believed that the codex accompanied Francesco Marmittas second son, Jacopo, to Portugal. However, in the nineteenth century it was in Genoa. Firstly, it was in the hands of the merchant, Antonio Bacigalupo, who inherited it from his father, Francesco, and then in the hands of the Marquis Marcello Luigi Durazzo, a collector who, having purchased it from Bacigalupos widow, then bequeathed it to the Biblioteca Berio. The Commentary: The work is accompanied by a book with commentary, edited by Andrea De Marchi, with writings by Beatrice Bentivoglio-Ravasio, Andrea De Marchi, Davide Gasparotto, Laura Malfatto, Laura Nuvoloni and Federica Toniolo. Facsimile is present with the accompanying commentary and a clamshell case. velvet binding with precious stones and gilded silver, clamshell case. Bookseller Inventory # 105363

More Information About This Seller | Ask Bookseller a Question 2.

Results (1 - 2) of 2